class="archive author author-simona-vitagliano author-9" >

Mazda, l’auto che sfida le convenzioni

Mazda, l’auto che sfida le convenzioni

Quando abbiamo introdotto la nuova Mazda 3 ci siamo immersi nella storia del marchio e nelle vicissitudini che, sin dagli albori, lo hanno coinvolto. Ci siamo immedesimati in quel momento, così catastrofico, dello scoppio della bomba a Hiroshima, che ha salvato, per un soffio, gli stabilimenti di quella che, fino a quel momento, era stata un’azienda produttrice di utensili e qualche motocarro a tre ruote. Abbiamo esultato nel vedere Mazda parte attiva del recupero di Hiroshima, in una resurrezione, per entrambe, partita insieme dalle proprie ceneri, che ha inglobato in se stessa quello che si definisce “Lo spirito di Hiroshima“. Insomma, una storia avvincente e appassionante, che continua a tutt’oggi, sfidando le convenzioni e le consuetudini. Sarà perchè Mazda è abituata a rischiare il tutto per tutto, dagli albori della sua storia. Rightsizing e Skyactiv Per chi non s’intende di auto potrebbe sembrare difficile capire…

Ateca smart city car: il prototipo Seat intelligente

Ateca smart city car: il prototipo Seat intelligente

Il mondo di oggi è più Smart: il cellulare è diventato smartphone, gli elettrodomestici hanno imparato a “parlare” con i proprietari e persino alcuni utensili da cucina sono stati progettati in modo da cambiare colore a seconda delle informazioni da comunicare. In un’ondata come questa, verso la condivisione e la digitalizzazione, SEAT ha così pensato di inserire qualcosa di attinente anche nel settore automobilistico; e ci sta riuscendo, con ottimi risultati sin da ora, che puntano, però, molto più in alto. Il primo passo è rappresentato dalla nuova SEAT Ateca, che ha acquistato il nome di “Smart City Car” per un motivo che si intuisce: il prototipo è dotato di una connettività chiamata “Smart City” che, grazie a dei sensori, è in grado di raccogliere informazioni dall’ambiente circostante, condividendole persino con altri utenti attraverso una l’App Parkfinder. Il progetto è stato realizzato insieme a CARNET, un ente di ricerca di…

Il comune di Milano lancia il biometano

Il comune di Milano lancia il biometano

Da quando esistono le automobili la nostra vita su questo pianeta è decisamente cambiata. Spostamenti che erano impensabili anche solo da immaginare sono diventati possibili e sempre meno costosi. Al rovescio della medaglia, però, c’è sempre stato il problema dell’ecosostenibilità dei carburanti. Oggi con il GPL e il metano le cose cominciano a cambiare, ma a Milano risiede la vera innovazione che potrebbe portare cambiamenti radicali in tutto il mondo: una soluzione completamente ecologica per il biometano. Un progetto brevettato dal Gruppo Cap, infatti, un’azienda che gestisce acquedotto, fognatura e depurazione di Milano, si preoccuperà di alimentare le auto con il gas prodotto dai reflui fognari: in pratica, biometano a chilometri zero, pronto per essere utilizzato dai cittadini! Il primo distributore in Italia è previsto proprio nella zona Nord della città ed è atteso con molta impazienza per testare direttamente i risultati che, a primo…

Ora l’auto si acquista su Amazon

Ora l’auto si acquista su Amazon

Che il mondo di internet abbia cambiato ogni tipo di canone del marketing e degli acquisti non è una novità: sono anni, ormai, che utenti di tutto il mondo comprano, in tutta sicurezza, da portali come Ebay, ricevendo tutto comodamente a casa propria. Ma chi avrebbe mai detto che, un giorno, sarebbe stato possibile comprare l’auto su Amazon? Forse nessuno, eppure quel giorno è arrivato. Amazon.fr, infatti, ha siglato un accordo ad hoc per i propri clienti francesi: sarà possibile ordinare la propria auto SEAT proprio sul portale, con consegna a domicilio entro 72 ore! Un tipo di servizio che, solo fino a qualche anno fa, sarebbe stato impossibile anche solo da pensare! Hashtag dell’iniziativa #DeliveryToEnjoy, che contiene in sè tutta la disponibilità, l’innovazione e l’esperienza dei due importanti marchi. Il tutto è nato dal fatto che, nella maggioranza dei casi (ben il 94%), chi…

Guida alla scelta del portapacchi

Guida alla scelta del portapacchi

Abbiamo visto come sia importante essere informati in tema “bagagli“ per quanto riguarda i nostri autoveicoli, per viaggiare in sicurezza e rispettare le normative vigenti in merito. Ma, sia per caricare l’auto con dei bagagli tramite l’utilizzo delle corde, sia per installare dei box, c’è bisogno di scegliere le barre giuste, a seconda dell’autoveicolo. Tutto dipende dalla tipologia di tetto che possiede l’auto: Nudo Con punti fissi di serie, creati per avvitare i piedi delle barre, talvolta coperti da comodi sportellini Con profili integrati, che azzerano lo spazio tra barra e tetto Con barre di serie, montate in modo che ci sia spazio tra di esse ed il tetto Con scanalature (dette anche Profili a T) direttamente sul tetto Tetto con grondine, tipico dei veicoli più anziani o commerciali Naturalmente, qualora si monti un box al di sopra delle barre, si deve considerare che l’auto…

Obbligo gomme invernali 2016 – 2017

Obbligo gomme invernali 2016 – 2017

Nelle scorse settimane abbiamo esplorato la ricca gamma di gomme invernali e catene da neve, cercando le soluzioni migliori a seconda dei casi specifici, personali e relativi all’autoveicolo. Ma cosa dice la normativa, in merito? L’obbligo di dotare il proprio autoveicolo di pneumatici invernali è scattato lo scorso 15 Novembre 2016 e durerà fino al 15 Aprile 2017, con una tolleranza di un mese: in sostanza, qualora si viaggiasse con pneumatici invernali fino al 15 Maggio, non si rischia, comunque, di incorrere in sanzioni. Inoltre, non c’è alcun obbligo di smontaggio relativo alle suddette gomme, soltanto, però, nel caso in cui abbiano un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione dell’autoveicolo. La legge a cui si fa riferimento è la n.120 del 29 Luglio 2010, inerente all’articolo 6 del C.d.S. Tuttavia, la regola generale può subire variazioni a seconda dei casi specifici e…

Come scegliere i pneumatici invernali?

Come scegliere i pneumatici invernali?

La scorsa settimana abbiamo parlato di quanto sia importante equipaggiare le proprie gomme, in caso di neve o ghiaccio, con delle catene progettate per lo scopo, o strumenti affini, nel caso in cui non si posseggano gomme invernali. In realtà, però, su autostrade, tangenziali e strade extraurbane, già dallo scorso 15 Novembre 2015, e fino al 15 Aprile 2017, è obbligatorio dotare la propria auto di pneumatici invernali, con una attenzione in più per quei tratti dove è obbligatorio provvedere alle catene. Questo tipo di norma, però, è più complicata da dover attuare perchè le regole cambiano Regione per Regione e, spesso, nemmeno la segnaletica riesce a fornire una risposta definitiva, perchè assente o mal posizionata. Tutto questo, comunque, è ovviamente in funzione della sicurezza, per prevenire incidenti, anche gravi, che possono essere causati dalla presenza di brina, ghiaccio o neve sulle strade, che sarebbe mal affrontata da pneumatici prettamente…

Quali catene da neve scegliere?

Quali catene da neve scegliere?

Per chi ama la neve ed i viaggi in auto è arrivata la stagione in cui preoccuparsi di come equipaggiare il proprio veicolo al meglio, per il freddo e per il tragitto da compiere. In caso di nevicate, infatti, o se si è sprovvisti di pneumatici invernali, l’uso delle catene è l’unica chance (obbligatoria, tra l’altro) che rimane per non incappare in sanzioni e, soprattutto, incidenti anche gravi. Chi viaggia senza catene (o altri dispositivi ritenuti equipaggiamento invernale idoneo), dove previsto da apposita segnaletica, commette una violazione al Codice della strada, rischiando una multa differenziata a seconda del luogo: se ci si trova in centro abitato siamo tra 41,00 € ed i 168 €, altrimenti dagli 84,00 € fino ad un massimo di 335 €. Una somma che vale la pena risparmiare, soprattutto perchè è legata anche a una questione di sicurezza. Ma come orientarsi per fare l’acquisto giusto? “Calzini” da neve: per le…

PREC PROSS 1 2 4 5