class="single single-post postid-3689 single-format-standard cookies-not-set wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1 vc_responsive" >

SEAT: auto elettrica nel 2019

SEAT: auto elettrica nel 2019http://www.capitelli.it/wp-content/uploads/2017/03/auto-elettrica-seat-14-e1490547157700.jpghttp://www.capitelli.it/wp-content/uploads/2017/03/auto-elettrica-seat-14-e1490547157700.jpg

Fabbrica dell’anno, con 33 anni di vita all’attivo e una smart city car “intelligente” tra le proposte, SEAT non accenna a fermarsi ed, anzi, rivela costantemente nuove sperimentazioni e ispirazioni.

Il Presidente, Luca De Meo, ha le idee molto chiare sul futuro dell’azienda: “Per quanto riguarda Seat, noi siamo 10 anni sotto la media europea come media d’acquisto. Siamo tecnicamente la marca più giovane in Europa. Evidentemente c’è qualcosa che facciamo meglio degli altri. Forse abbiamo un centro di gravità – come segmenti – come le auto piccole che i ragazzi comprano, o forse siamo forti sul design, elemento che per i giovani conta molto“.

Il problema sarebbe, più che altro, residente nel fatto che la classe media, come età, di persone che si dedicano all’acquisto di un’automobile è quella che sfiora i 54 anni (e li supera).

I motivi possono essere tanti ma, di certo, c’è la condizione lavorativa nel nostro Paese che per molti giovani è precaria, per cui rende impossibile acquisti importanti, come quello di un’auto o di una casa.

D’altro canto, afferma lo stesso De Meo, i giovani hanno altre priorità e attraverso i servizi di carsharing il loro mondo è decisamente più “smart” e passa obbligatoriamente attraverso l’utilizzo dello smartphone.

Ecco perchè è obiettivo dell’azienda cercare di proporre qualcosa di utile e di appetibile, al tempo stesso, in questo senso, ed ecco, quindi, spiegato anche tutto l’interesse che c’è intorno alla nuova Ateca, pronta ad offrire soluzioni moderne in tema connettività e modernità, oltre che, ovviamente, di design.

Anche l’elettrico è un argomento affrontato dalla fabbrica di Martorel.

Il tema dell’elettrico credo sia trasversale. In casa ho un prototipo di un elettrico e piace a tutti. Però certo ha dei limiti di autonomia. Il tema della connettività penso sia più importante per attrarre i giovani e inserirlo in un mondo digitale. E’ una tecnologia che può far switchare tra un marchio e l’altro una clientela giovane. L’elettrico è fondamentale per il concetto di emissioni di Co2. Nel 2019 usciremo con la prima elettrica, poi con la nuova generazione della Leon dovremmo avere anche l’ibrido, anche perchè dovremo ottenere gli obiettivi sulle emissioni nel 2020. Con il diesel riuscire a rientrare in questi parametri sarà ancor più dura e difficile, quindi dovremo lavorare con queste nuove tecnologie“, ha riferito in Presidente.

Insomma, tanta voglia di espandersi, di evolversi e di accontentare anche il pubblico più attento all’ambiente e alla sostenibilità, con un modello a zero emissioni che è in uscita nel 2019.

Non ci resta che attendere nuovi sviluppi!

Categories: ,