class="archive tag tag-controlli tag-495 cookies-not-set wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1 vc_responsive" >

Come e quando controllare la pressione degli pneumatici?

Come e quando controllare la pressione degli pneumatici?

Chiunque guidi un’auto con regolarità ha il diritto ed il dovere di assicurarsi che tutto sia nelle condizioni migliori per poter sostenere le tratte da eseguire, che siano viaggi brevi o lunghi, eventi occasionali o esigenze da pendolari. Uno degli errori più comuni, infatti, è quello di sottovalutare l’importanza dei controlli e della prevenzione, errore che si tramuta poi, inevitabilmente, in piccoli problemi che possono diventare anche seri, se non addirittura dannosi o pericolosi, per se stessi e per gli altri. Quando controllare le gomme La cosa importante è controllare i pneumatici “a freddo” o, comunque, quando non hanno percorso ancora 2 Km: questo perchè l’aria all’interno non deve essere eccessivamente espansa e deve consentire di effettuare le valutazioni nelle condizioni migliori possibili. Come controllare la pressione Per controllare la pressione è sufficiente recarsi da un gommista o fermarsi ad una pompa di benzina…

ESP, cos’è e come funziona

ESP, cos’è e come funziona

Il controllo elettronico di stabilità (ESP – Electronic Stability Program) è diventato obbligatorio su tutte le auto di prima immatricolazione da Novembre 2014. Si tratta di una ulteriore forma di prevenzione di incidenti stradali che dovrebbe venire in soccorso di tutti i veicoli commerciali di un peso massimo di 3,5 tonnellate. Ma di cosa si tratta tecnicamente? I controlli che possono essere fatti da terzi su un’autovettura sono, certo, importantissimi ma non possono, di fatto, intervenire sulla guida del conducente. Il rapporto che c’è tra guidatore e autovettura è personalissimo e suscettibile, tra l’altro, di variazioni a seconda delle circostanze. Può capitare, ad esempio, che una sera si è più stanchi o non si sia in forma o, peggio, che arrivino dei pericolosi colpi di sonno, e a quel punto non c’è controllo esterno che tenga: si può arrivare, in pochi attimi, anche alla tragedia. Il controllo di stabilità interviene…

Nuovi controlli da parte della UE

Nuovi controlli da parte della UE

La scorsa settimana abbiamo sviscerato la questione Vacanze Sicure che coinvolgerà, per la maggior parte, alcune regioni italiane nel controllo della sicurezza auto durante i viaggi estivi. Oggi ci riallacciamo al tema controlli, ma in altra chiave. Sono, infatti, in arrivo alcune novità, che verranno introdotte nell’Unione Europea tra il 2017 e il 2018, tra cui, probabilmente, dei nuovi test per i consumi di carburante e per le emissioni di CO2. Contromisure che qualcuno ha ipotizzato siano automatica conseguenza dello scandalo Volkswagen che ha messo in risalto l’ambiguità e la poca affidabilità dei controlli odierni. Per favorire gli acquirenti il Comitato tecnico Ue ha fatto sua la nuova metodologia di test nata dalla coordinazione di Onu e Commissione Ue: la World Harmonised Light Vehicle Test Procedure. In sostanza si tratta di una serie di test molto più realistici e meno “ipotetici” che, se tutto va come deve andare, entreranno…

Vacanze Sicure: controlli in tutta Italia

Vacanze Sicure: controlli in tutta Italia

Vacanze Sicure 2016 è un progetto, attuato in congiunzione tra Assogomma e Polizia Stradale, che si preoccupa di mantenere un certo grado di sicurezza sulle strade italiane in vista delle vacanze e degli esodi dalle grandi città. Sarà nel periodo estivo, infatti, che si concentrerà maggiormente la sua portata, prevedendo oltre 10.000 controlli sui pneumatici dei veicoli in transito, spesso risultati talmente danneggiati da essere considerati seriamente pericolosi per chi era nell’abitacolo e quindi, di conseguenza, per gli altri, con battistrada non a norma o, peggio, danneggiati. Naturalmente dai controlli non sono esclusi roulotte, camion e carrelli appendice. Questo sarà il tredicesimo anno di interventi su strada per Polizia Stradale ed Assogomma. Ogni anno la situazione viene riesaminata e i controlli vengono intensificati in regioni ritenute più a rischio, che stavolta sono Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Toscana, Veneto e Sicilia: gomme, stato di usura, controllo di eventuali danni, omologazioni e passaggio da…