class="single single-post postid-2148 single-format-standard cookies-not-set wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1 vc_responsive" >

Walter de Silva: La rivoluzione del design automobilistico

Walter de Silva: La rivoluzione del design automobilistico

Walter de Silva ha alle spalle oltre quarant’anni di onorabile carriera nell’ambito del design automobilistico; la sua avventura inizia negli anni ’70 con la Fiat e raggiunge la sua piena consacrazione una decina di anni dopo con l’Alfa Romeo, il marchio per il quale realizza vari modelli innovativi, tra cui le mitiche 156 e 147, che lo rendono famoso a livello internazionale.

Ad oggi il suo nome non si può prescindere da quello del marchio Seat, poiché dal 2007 è divenuto capo del Centro stile Volkswagen Group e con il suo ingresso ha migliorato il design di tutti i brand che fanno parte del gruppo.

Il suo più grande merito consiste nell’aver completamente rivoluzionato lo stile e la logica della casa Seat e nell’aver disegnato, per il gruppo Volkswagen, quella che lui stesso ritiene la sua migliore creazione: l’Audi A5. Difatti nel 2010 ha vinto con questo modello il Design Award, ossia il premio più prestigioso del settore automobilistico in Germania. Per la Seat, invece, restano celebri gli intramontabili modelli delle auto Leon, Ibiza, Altea e Toledo.

I riconoscimenti

Il segreto del successo di Walter de Silva si spiega con la sua straordinaria capacità di fondere insieme tradizione e innovazione. I suoi modelli, infatti, sono sempre fedeli a quello che lui definisce il “dna” del marchio di riferimento, ma presentano caratteristiche nuove che conferiscono al design delle auto una fisionomia completamente rinnovata e accattivante.

La sua creatività, inoltre, va di pari passo con la volontà di progettare modelli in grado di ridurre le emissioni e mirano, dunque, a conciliare etica e estetica.

Oltre ai numerosi riconoscimenti ottenuti in ambito automobilistico, Walter De Silva è stato onorato con il conferimento di una laurea ad Honorem Causam presso l’Alma Mater di Bologna, e con la concessione di una cattedra per il corso di laurea in design presso la stessa università.

Categories: